SEDE: Biella, Viale Macallè 21
CONTATTACI: +39 015 405141
SEGUICI SUI SOCIAL:
Top

Il derby si tinge di bianconero: decide Latta nella ripresa

Successo di misura al “Pozzo” contro la Fulgor di Mister Mellano.

La Biellese ritrova il sorriso in campionato nel match più bollente della stagione, il derby interno contro la Fulgor Ronco Valdengo ieri in programma per la 4^ giornata del campionato Eccellenza. Una sfida combattuta a porte chiuse (come da disposizione anti-Covid) decisa solo nella ripresa con una rete firmata da Andrea Jack Latta. Minuto 29 del secondo tempo: il numero 18 di Mister Rizzo – in tribuna per squalifica, al suo posto in panchina il tecnico della Juniores Pellerei – entra in campo sostituendo Cristian Affinito e dopo un giro di lancette appena, si fa cogliere preparato in mezzo all’area e incassa su uno spiovente costruito da Cestagalli. Tre punti per la Prima Squadra che si avvicina così alla vetta del Girone A, a quattro lunghezze di distanza dalla coppia capolista Rg Ticino-Venaria.

LE REAZIONI DEL POST-PARTITA

Il commento di Mister Alberto Rizzo a fine gara: «Abbiamo giocato bene sotto l’aspetto tecnico ma dobbiamo migliorare l’intensità. Siamo ancora lenti nel giro-palla, dobbiamo essere più cattivi negli ultimi 25 metri. Rispetto a mercoledì ho visto un’idea di calcio. Ci abbiamo provato, abbiamo tenuto la palla, abbiamo cambiato spesso lato… Valdengo ci ha aspettati, non era facile. Contro avversari così bisogna aumentare la rapidità nelle scelte. Guardate il gol: è arrivato da un’accelerazione. Bisogna essere poco prevedibili, variare e avere soluzioni, farlo con un’intensità superiore. I cambi? La forza di una squadra sta nelle sostituzioni. Tutti quanti più o meno hanno presentabili e forti, la differenza sta lì. Ripetiamo sempre che non ci sono titolari e riserve, lo sto dimostrando ai ragazzi con scelte basate sui minuti giocati. Sto cercando di equilibrare lo sforzo spalmandolo su tutti i componenti della rosa. In questa squadra tanti ragazzi potrebbero giocare titolari ovunque. Gli abbiamo messi assieme, devono capire la filosofia di gioco e la mia mentalità. Io devo imparare a conoscerli. Siamo un cantiere aperto, è quindici giorni che dico che siamo solo al 50 per cento delle nostre potenzialità. Voglio creare una squadra che abbia soprattutto un cuore e una testa grande. Ai ragazzi ho detto che li giudico dalla vita in su, non sui piedi o sulla corsa. Voglio vedere la mentalità corretta. Chi sposa questa filosofia farà parte della mia Biellese, chi pensa di essere troppo forte dalla vita in giù ma mentalmente mi dà poco, il Real Madrid lo aspetterà. Siamo tutti uguali, lavoriamo tutti con la stessa intensità, avremo tutti le stesse soddisfazioni, per chi si sente troppo forte questo non è il suo posto. I giovani? Hanno fatto la loro partita, devono crescere in quanto giovani. Hanno poca esperienza, devono migliorare, bisogna aiutarli. Pero mi ripeto: la distinzione giovani-vecchi per me non esiste. La mia distinzioni è “ti impegni-non ti impegni”, “hai la testa giusta?”. Su queste basi possiamo lavorare. Se i giovani devono giocare solo perché hanno la carta d’identità dalla loro non andiamo da nessuna parte. Nella mia carriera ho affrontato partite importanti con sette-otto giovani dall’inizio e i risultati spesso sono arrivati. La mia distinzione è forte-scarso. Per me essere giovane è un valore, io stesso vorrei esserlo. Siccome è un valore dobbiamo sfruttarlo. I ragazzi si stanno impegnando, avranno le loro soddisfazioni esattamente come ne avranno i più anzianotti».

IL TABELLINO

La Biellese-Fulgor Ronco Valdengo 1-0 (0-0)
Marcatori: Latta (29′ st).
La Biellese (4-3-3): Rainero, Vilardi, Affinito (st. 28’ Latta), Gila D., Fiore, Agnesina, Naamad (st. 19’ Facchetti), Bernaudo (st. 41’ Iannacone), Menabò (st. 37’ Giunta), Kambo, Artiglia (st. 19’ Cestagalli).
A disposizione: Vero, Bocca, Muzzolon, Bottone.
Allenatore: Pellerei.
Fulgor Ronco Valdengo (4-1-4-1): Bonassi, Angeli, Lavecchia, Piccirilly, Arcuri, Piazzolla (st. 40’ Staccotto), Giovinazzo, Schettino, Gila G., Ballgjini (st. 17’ Gueye), Ippolito.
A disposizione: Piacenza, Ceria, Montari, Rosso, Seira, Velcani, Zia.
Allenatore: Mellano.
Arbitro: Cipriano.
Note: ammoniti Naamad e Giunta (B), recuperi 0’+6′.