SEDE: Biella, Viale Macallè 21
SEGUICI SUI SOCIAL:
Top

Caldo e test, seconda settimana: «La squadra è sulla linea giusta»

Parla il preparatore fisico Franco Roi: «Non ho traguardi, se non quello di fare in modo che ogni singolo giocatore arrivi ai primi impegni ufficiali della stagione con la gamba che gira e che ci siano pochi infortuni, il meno possibile».

Il nuovo preparatore fisico della Prima Squadra, Franco Roi, la scorsa stagione al Pont Donnaz, analizza lavoro e risposte del gruppo dopo la prima settimana di preparazione: «Per ora è tutto ottimo. Quando superi uno step o un test come quello che abbiamo affrontato con il Rivoli senza infortunati è già qualcosa di molto positivo. Fermarsi ora vorrebbe dire perdere non tanto l’aspetto fisico – quello lo recuperi – quanto l’aspetto tecnico-tattico: in questa fase della stagione ogni nuovo giocatore lavora per integrarsi al meglio nel gruppo. La risposta sul campo è stata come prevedevo, ottima. È chiaro che oggi i ragazzi stanno affrontando una situazione di carico a cui non sono abituati. La settimana appena iniziata ci porterà ad altri due test, uno mercoledì con il Vigliano e poi domenica contro il Chieri. Per questo, il programma della settimana è iniziato con un lavoro aerobico, mentre domani (oggi, ndr) ci concentreremo su esercitazioni di sforzo e resistenza. Faremo attività aerobica anche giovedì, mentre venerdì lavoreremo un po’ di più sulla gamba, facendo in modo che per tutti giri un po’ meglio. Domenica con il Chieri sia io sia il mister ci aspettiamo risposte positive sul campo. Obiettivi non me li pongo, almeno non obiettivi lunghi. Sembra brutto da dire, ma la verità è che lavoro giorno per giorno, sulla base di quello che vedo mi adatto. Il programma di massima c’è, ma per abitudine lavoro tutto l’anno. Non ho traguardi, se non quello di fare in modo che ogni singolo giocatore arrivi ai primi impegni ufficiali della stagione con la gamba che gira e che ci siano pochi infortuni, il meno possibile. Il mio compito è mettere in difficoltà l’allenatore dandogli sempre a disposizione tutti i giocatori. Questo caldo non aiuta e non fa bene. Oggi (ieri, ndr) ho scaricato il lavoro di una serie perché ho visto che la squadra ha lavorato tanto sul campo con il mister. I ragazzi si integrano continuamente con acqua o sali minerali, ma il caldo è davvero eccessivo. La risposta comunque è corretta, li vedo sulla linea giusta».